Appunti di scrittura

In questo spazio, pubblico note, brevi racconti, pensieri e quant'altro mi fa piacere condividere con chi mi segue sul sito o vi arriva casualmente.
E' possibile commentare lo scritto liberamente. I commenti sono moderati e pertanto verranno cancellati quelli che il sottoscritto riterrà offensivi, con link pubblicitari o altro contenuto di parte.
Non è autorizzata la copia o la diffusione dei testi senza esplicita autorizzazione dell'autore.
E' possibile estrapolare brevi frasi indicando l'autore e il link al testo.

(Tempo di lettura: 1 minuto)

Tutte le membra rincasano: è tardi.

Devono ristorarsi dalla fatica, rinfrancarsi dall’usura, acquietarsi dalla lotta.

Un giorno è finito, mentre un altro si prepara, misterioso e imperscrutabile domani, come oggi, come ieri.

Tutte le membra rincasano: segnano il tempo.

Commenta (0 Commenti)
(Tempo di lettura: 1 minuto)

Le cose commosse dalla luna non piangono lacrime, ma splendono nel buio della sua luce.

Le cose commosse dalla luna non si vedono di giorno, perché il sole le scioglie con il suo calore.

Commenta (0 Commenti)
(Tempo di lettura: 1 minuto)

La scrittura è una morte serena.

Mi risuona in testa come una garanzia, una certezza che tra le tante morti possibili potrebbe essere la migliore.

Quella dove consegni il corpo all’infinito, libero e ripulito dai tanti orpelli aggiuntisi inutilmente negli anni della vita.

La scrittura è vita, la morte è il fine della vita.

Commenta (0 Commenti)
(Tempo di lettura: 3 - 6 minuti)

Erano due settimane che non sentiva Monica, l’aveva rimossa dai pensieri, e in procinto di archiviarla nella memoria. Era stato un idillio fuggevole, si erano piaciuti e s’erano presi, così, quasi senza convinzione. Erano troppo diversi per avere qualche speranza che, terminata l’infatuazione dei sensi, potessero continuare il loro rapporto in una qualche direzione futura.

Improvvisamente lei prese ad accompagnarlo nei sogni. La prima volta che successe, il sogno gli rimase impresso fino a mattino inoltrato. Era stato un sogno insieme strano e dolce.

Si trovava in un bosco, circondato da alberi ad alto fusto, che gl’impedivano di vedere il cielo, rendendo cupo e notturno l’ambiente circostante.

Commenta (0 Commenti)
(Tempo di lettura: 1 minuto)

La vita è tutta una lotta, se la vuoi superare devi accettare di lottare. Nella lotta non importa se stai sopra o stai sotto, l’importante è che non smetti mai di lottare, perché le parti possono invertirsi o il tuo nemico non riuscire a completare lo scontro per stanchezza, perché troppo sicuro di vincere, per pietà.

Commenta (0 Commenti)
(Tempo di lettura: 3 - 6 minuti)

«Avvocato ma davvero lei mi sta consigliando di fare causa al Comune?»

«Ebbene sì, signor Castaldo, se la risposta sarà ancora negativa non abbiamo altra via. D’altronde questo è il mio mestiere. Di più non saprei cosa consigliarle».

Uscii dallo studio alleggerito di cento euro e con un profondo scoramento.

Commenta (0 Commenti)
(Tempo di lettura: 2 - 4 minuti)

Andrea era un bambino all’apparenza felice, come lo erano i suoi coetanei nell’età della spensieratezza e delle quotidiane esplorazioni nel misterioso mondo che li circondavano. Giorno dopo giorno assimilava nuove cose, cercando di sopravvivere alle novità meno gradevoli, che tentava di riadattare alle sue esigenze, sperimentando volta per volta le migliori soluzioni.

Commenta (0 Commenti)
(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

Se Massimiliano avesse voluto fissare con una data, l’inizio delle sue inquietudini, sicuramente sarebbe coinciso con quella della sua nascita, se avesse voluto rappresentarla con una forma, sarebbe stata una sfera in cui dover stare forzatamente rannicchiato.

Con il passare degli anni nessuna di esse era scomparsa.

Commenta (0 Commenti)
(Tempo di lettura: 3 - 6 minuti)

Nell’imbrunire della sera, un’ombra scura solcava da est a ovest l’orizzonte, dai contorni somigliava a un corvo. Lo scriba strinse gli occhi per osservare meglio e si domandò cosa ci facesse ancora in volo un uccello notoriamente diurno.

Mentre scrutava con curiosità l’animale che si stagliava netto tra i vertici delle piramidi in lontananza, dal piccolo giunco che teneva in mano, una goccia d’inchiostro cadde sul papiro appoggiato sulla tavoletta bloccata tra le cosce.

Commenta (0 Commenti)